Impresa 8108 Blog

Il Blog di Impresa 8108

Riunione periodica sulla sicurezza - Obbligo e normativa


Come si svolge la riunione periodica sulla sicurezza? Quando è obbligatoria? Chi partecipa? Scopri tutte le risposte sul nostro articolo di approfondimento.

 

La riunione periodica sulla sicurezza è uno degli adempimenti più importanti per una corretta organizzazione e gestione della sicurezza aziendale.

In questo articolo di approfondimento vediamo nel dettaglio cos’è, quando è obbligatoria e chi deve prenderne parte.

 

A cosa serve la riunione periodica per la sicurezza?

A definire i dettagli dell’organizzazione e dei relativi contenuti della riunione è il D.Lgs. 81/08, nello specifico l’articolo 35.

Si tratta di un incontro annuale, svolto con le principali figure impegnate nella gestione della prevenzione, finalizzato a monitorare i rischi presenti in azienda e a programmare le misure necessarie per eliminarli o ridurli al minimo.

La riunione periodica è fondamentale per la gestione dei rischi aziendali e per tutelare la sicurezza dei lavoratori in azienda.

È fondamentale per poter individuare comportamenti corretti e modalità operative per prevenire infortuni e malattie professionali, creando un piano d’azione e definendo ruoli e responsabilità.

Deve essere svolta dopo aver completato la procedura di analisi e valutazione dei rischi aziendali.

Nel corso della prima riunione - e ogni qualvolta viene effettuata una nuova valutazione dei rischi - il datore di lavoro, porta a conoscenza delle parti i rischi individuati con i relativi criteri di valutazione, le misure di prevenzione e il programma di attuazione delle stesse.

Nelle riunioni successive vengono invece verificati i progressi realizzati e l’efficacia delle misure di prevenzione adottate. 

 

Quando è obbligatoria la riunione periodica?

La riunione periodica deve essere organizzata dal datore di lavoro almeno una volta l’anno. È obbligatoria nelle aziende che contano più di 15 dipendenti.

Tuttavia può essere indetta anche più volte se si presentano cambiamenti strutturali, organizzativi e tecnici, che possono esporre i lavoratori a nuovi rischi per la salute.

Nelle realtà aziendali con un numero di dipendenti inferiore o pari a 15 è invece il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS che ha la facoltà di chiedere, se lo ritiene necessario, la convocazione di un'apposita riunione.

Durante la riunione periodica è possibile sottoporre ai partecipanti tutti i vari aspetti della sicurezza aziendale, e nello specifico vengono esaminati:

  • il Documento di Valutazione dei Rischi - DVR, in cui sono specificati i rischi rilevati all’interno dell’attività lavorativa, il livello di esposizione per ogni mansione e le misure di prevenzione che verranno adottate.

  • L’andamento degli infortuni e delle malattie professionali, monitorati dal medico competente grazie ai risultati relativi alla sorveglianza sanitaria. Vengono inoltre definiti gli accertamenti da effettuare in relazione ai rischi rilevati in azienda e la periodicità delle visite mediche.

  • Le caratteristiche tecniche e l'efficacia dei Dispositivi di Protezione Individuale - DPI utilizzati e indicati all’interno del DVR. Tutti i lavoratori vengono informati su come utilizzarli correttamente e sulle procedure di pulizia e sostituzione in caso di usura.

  • I programmi di formazione rivolti a lavoratori, dirigenti e preposti alla sicurezza, in linea con gli adempimenti previsti dalla normativa e alle specifiche esigenze derivanti dalla valutazione dei rischi.

 

 

Chi partecipa alla riunione per la sicurezza?

La riunione periodica, sempre secondo l’art. 35 del D.Lgs. 81/08, deve essere indetta dal datore di lavoro, e hanno l’obbligo di partecipare RSPP, medico competente e RLS

Il datore di lavoro è l’unico a non avere l’obbligo di partecipazione, può infatti delegare l’incarico ad un suo rappresentante.

Ognuna di queste figure ha un ruolo ben preciso durante l’incontro:

  • il datore di lavoro o suo delegato, definisce i contenuti da trattare durante la riunione e presenta gli argomenti da esaminare.

  • Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione - RSPP, individua e valuta i rischi per i lavoratori presenti in azienda e definisce le misure di prevenzione e i sistemi di controllo da adottare. Propone inoltre i programmi di formazione in tema di sicurezza sul lavoro rivolti ai lavoratori.

  • Il Medico Competente, comunica, durante la riunione, i risultati anonimi degli accertamenti clinici e strumentali che sono stati effettuati ai lavoratori. Valuta le situazioni di rischio negli ambienti di lavoro, ai fini dell’attuazione delle misure da intraprendere per la tutela della salute e dell’integrità psico-fisica dei lavoratori. Dati anche i nuovi rischi legati alla pandemia, verifica il corretto funzionamento del protocollo anti Covid, informando tutti i lavoratori sulle azioni preventive da adottare.

  • Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza - RLS, partecipa alla riunione in ragione del ruolo importante che riveste per il servizio di prevenzione e protezione. Deve essere consultato preventivamente nella programmazione e realizzazione della prevenzione aziendale, e affronta con tutti i partecipanti eventuali tematiche o criticità emerse dai lavoratori.

 

Documenti della riunione: ordine del giorno e verbale

La riunione dovrebbe essere indetta tramite un documento scritto che convoca i partecipanti e presenta l’ordine del giorno della riunione. Questo elenca gli argomenti che saranno affrontati durante la riunione - già trattati nei paragrafi precedenti.

Al termine di ogni riunione deve essere redatto - dal datore di lavoro o dal RSPP - un verbale che riassume tutti i punti e le considerazioni discusse con i vari partecipanti. 

Il verbale deve contenere:

  • argomenti trattati, gli eventuali dissensi in merito e le relative motivazioni;

  • nominativi e funzioni dei partecipanti;

  • decisioni prese sui vari argomenti con indicazioni chiare e dettagliate rispetto agli obiettivi. Inoltre, devono essere indicate le azioni da intraprendere e le modalità di esecuzione delle stesse, identificando ruoli e responsabilità per ciascun obiettivo.

 

Per aiutarti ti forniamo un esempio di verbale per la riunione periodica

 

Le sanzioni previste

Come anticipato la riunione periodica è obbligatoria in tutte le aziende con più di 15 dipendenti, per questo la mancata organizzazione può comportare il pagamento di sanzioni sia penali che amministrative.

Nello specifico:

  • sanzione amministrativa pecuniaria da 614 a 2.211 Euro, per la mancata redazione del verbale;

  • sanzione penale per il datore di lavoro e il dirigente, in caso di mancata organizzazione della riunione almeno una volta l'anno.

 

 

Ora hai tutte le principali informazioni per poter organizzare la riunione periodica sulla sicurezza nella tua azienda. 

Seguici sui Social per rimanere sempre aggiornato sulle tematiche che riguardano il mondo della sicurezza sul lavoro.





Il blog di Impresa8108 è uno spazio informativo su tutti i temi di interesse per l’impresa ed i professionisti della sicurezza. Tutte le novità in materia di sicurezza ed igiene del lavoro, chiarimenti sulla normativa, editoriali, approfondimenti tecnici.